Momenti di Marka

Un tempo tutto mio! La bici della felicità

By 2 Luglio 2019 No Comments

Mai pensato di montare in sella a una bici e partire per mete lontane, per diversi giorni o settimane, zaino in spalla, armati di curiosità, spirito di avventura e forza nelle gambe? Viaggi  durante i quali possiamo godere di un tempo tutto nostro e che possono cambiarci la vita, insomma. Parola di Ludovica Casellati, autrice de “La bici della felicità” (2019, Sperling & Kupfer), un libro che racconta le emozioni di un viaggio in bici e la bellezza di imparare a godersi alcuni momenti per sé, liberi e spensierati. Un viaggio in bici è un’esperienza unica, ecologica e scacciapensieri, per lo stato di armonia e pace di corpo e mente che ci regala.

La bici è un mezzo ecologico ed economico, a impatto zero, capace di trasferirci un “magico” potere benefico e rilassante e di farci osservare il mondo da una prospettiva totalmente differente, con occhi nuovi e con la mente libera, perché in bici non c’è fretta, il tempo è tutto nostro, da assaporare momento per momento. Un viaggio in bicicletta è adatto a chi preferisce pedalare in solitaria ma è perfetto anche per le famiglie con bambini , poiché può essere un’occasione di socializzazione e condivisione.

E se per i viaggi più lunghi non puoi rinunciare alle valigie, esistono dei tour operator e degli hotel che si occupano di trasportare i tuoi bagagli da una tappa all’altra, permettendoti di non pensare ad altro che a goderti la pedalata!


Ecco 3  itinerari da sogno in bicicletta, in Italia e nel mondo, proposti dall’autrice:

  1. Per tutta la famiglia. Ciclovia del Mincio: un percorso pianeggiante di 50 km adatto a grandi e piccini, tra Lombardia e Veneto, per trascorrere un week end tranquillo e rilassante. Un itinerario ricco di strutture per cicloturisti, da Peschiera a Mantova, passando per molteplici punti di interesse, come il Ponte Visconteo, dove scattare una foto ricordo tra mulini e laghetti, oppure il Parco Sigurtà e le sue meraviglie, come il Labirinto, i tulipani, il Viale delle rose e, per i più piccoli, la Fattoria didattica.
  2. Per sognare ad occhi aperti. I castelli della Loira: si tratta dell’itinerario che ha cambiato il modo di vivere la bici dell’autrice, che ha percorso i 178 km che separano Blois da Saumur con suo figlio nel carrellino. Un percorso fiabesco, adatto a tutti, da percorrere comodamente a tappe in una settimana, alternando le pedalate alle visite di musei, negozi tipici e castelli. Tra gli imperdibili, Villandry con il suo meraviglioso giardino e Cles Lucé, che è stata residenza di Leonardo Da Vinci.
  3. Per un viaggio nella bellezza a 360°. Ciclovia dell’Alpe Adria: collega Salisburgo, in Austria, a Grado, città italiana sul Mar Adriatico, per un totale di 425 km, passando per le splendide valli alpine, borghi suggestivi, città culturali e paesaggi marittimi. Il tratto italiano collega Tarvisio a Grado, è semplice e spesso in discesa e permette di scoprire alcune bellezze del nostro territorio, come la stazione dismessa di Chiusaforte, il borgo trecentesco di Venzone, distrutto da un terremoto e poi ricostruito e la città di Aquileia con la sua rinomata area archeologica, Patrimonio UNESCO.

Siete pronti a vivere una nuova esperienza di vita e vacanza, in sella alla felicità?