Lo sapevi che

Come prenderti cura del tuo parquet

By 14 Gennaio 2018 No Comments
prenderti cura del parquet

Il pavimento in parquet è un elemento tradizionale che non passa mai di moda. È una scelta di design che dona carattere e personalità alla propria casa. Tuttavia, essendo un materiale sensibile all’usura, richiede particolari attenzioni. Anche se prendersi cura del proprio parquet può sembrare un’operazione difficile, in realtà è sufficiente osservare alcune piccole accortezze.
Ecco i nostri consigli per mantenere brillante e impeccabile il tuo parquet nonostante il trascorrere del tempo.

Prevenire è meglio che curare

Come recitava un noto slogan: “Prevenire è meglio che curare”. Infatti, sarebbe più indicato evitare la formazione di graffi, anziché ripararli, poiché (in base all’entità del danno) si può arrivare a dover sostenere costi non indifferenti.
Pertanto, se hai recentemente posato il pavimento in parquet o lo hai da pochi anni, ti raccomandiamo di:

  • Non camminare sul parquet con le scarpe. Nelle suole, infatti, potrebbero essere rimasti incastrati alcuni sassolini che sono causa di graffi sul legno. Una buona routine è quella di pulire sempre le suole sullo zerbino prima di entrare in casa e, appena varcata la soglia, indossare ciabatte di spugna.
  • Pulire il tuo pavimento una volta al giorno o almeno ogni due: ciò eviterà l’accumulo di polvere, la quale può generare attrito sulla superficie del legno. Per questo tipo di pulizia, è consigliato l’uso di scope a setole morbide o di un’aspirapolvere specifico per parquet.
  • Non bagnare il parquet perché l’umidità può causare gonfiore al legno. Se è stato posato questo tipo di pavimento in cucina è bene proteggerlo con un tappeto, specialmente nei pressi del lavandino e della lavastoviglie.

Sposta i mobili con cautela

È vivamente consigliato (se possibile) di evitare di spostare mobili o oggetti pesanti sopra il parquet. Quando non è possibile evitarlo, è bene allora prendere le necessarie precauzioni per proteggerlo.
Innanzitutto cerca di non trascinare i mobili/oggetti pesanti; piuttosto sollevali o, in alternativa, posiziona sotto di essi feltrini (o un panno morbido) così da non rigare il pavimento.

Come pulire il parquet

Che sia un parquet recente o con qualche anno sulle spalle, non è mai troppo tardi sapere come prendersi cura del proprio parquet in modo ottimale.

Potresti cominciare da un’accurata spazzata con scope a setole morbide o aiutandoti con un’aspirapolvere specifico per parquet (come precedentemente indicato) per rimuovere tutto lo sporco in superficie. Se preferisci, sono disponibili in commercio panni con un tessuto appositamente progettato per la pulizia dei pavimenti in parquet.
Un’avvertenza: ricordati di leggere sempre le istruzioni prima di utilizzare qualsiasi nuovo prodotto e testalo in una piccola area per controllare che non ci siano reazioni avverse.
La delicatezza di questo materiale richiede l’uso di detergenti specifici (come, per esempio, il nostro Soave) e non generici, i quali spesso lasciano graffi o segni permanenti.
Con il detergente diluito nell’acqua ti consigliamo di inumidire il panno, strizzandolo accuratamente, e applicarlo sulla superficie. Terminata la pulizia, ripassa il parquet con un panno asciutto per rimuovere eventuale acqua in eccesso.

Trucchi per eliminare graffi/segni

Per piccoli segni o graffi poco profondi, prima di ricorrere all’aiuto di professionisti, potresti provare uno dei nostri consigli qui di seguito:

  • Le comuni righe nere, lasciate dalle suole delle scarpe, possono essere rimosse facilmente. Basta, infatti, rimuoverle utilizzando una classica gomma da cancellare. Per i segni di dimensioni più grandi potresti usare, invece, la gomma delle suole delle scarpe da tennis, più precisamente la parte del tallone (solo però se hanno la suola di colore bianco).
  • Una pallina da tennis di colore chiaro può fare miracoli su graffi poco profondi, grazie al suo materiale leggermente abrasivo. Taglia una piccola parte della pallina da tennis e usala come una spugna per rimuovere il segno.
  • Se sono presenti aloni causati dall’acqua, per rimuoverli posiziona sopra di essi una maglietta che non utilizzi più e con l’aria calda del phon asciuga l’umidità radicata.